Home  
  
  
    La tristezza fa ingrassare
Cerca

Psicologia in cucina
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il morale a terra fa ingrassare le donne

Sovrappeso, morale a terra, obesità, depressione. Pensieri negativi e chili in eccesso invadono le nostre società moderne. Uno studio francese giunge a precisare i legami esistenti tra questi due flagelli. E, secondo i risultati emersi, il morale a terra fa ingrassare le donne ma non gli uomini.

La tristezza fa ingrassare
© Getty Images

Un laboratorio a cielo aperto

Da 10 anni, gli abitanti di due città del nord della Francia partecipano a uno studio sulla salute pubblica che vede coinvolti medici, ricercatori, politici locali e insegnanti. In questa regione, particolarmente affetta dal problema del sovrappeso e dell'obesità, sono in totale 6.666 gli abitanti che partecipano a questo progetto suddiviso in tre tappe:

  • Valutare l'informazione nutrizionale nelle scuole per il cambiamento delle abitudini alimentari dei bambini, ma anche della loro famiglia 
  • Comprendere i fattori responsabili dell'aumento di peso
  • Studiare l'impatto degli interventi ambientali allo scopo di convalidare gli approcci di prevenzione e presa in carico dell'obesità a livello della popolazione

Nel contesto dello studio l'analisi di tutti i fattori che influenzano l'aumento di peso ha incluso i comportamenti alimentari, l'attività fisica, i fattori biologici, ormonali e genetici, a livello personale e familiare. Sono stati passati anche al setaccio altri fattori meno evidenti, tra cui la depressione.

Le donne mettono peso su addome e fianchi

Quali sono i legami tra depressione e obesità? Diversi studi si sono occupati di questo argomento senza peraltro ottenere risultati realmente concludenti. Per lo più, è stato constatato che le persone che soffrono di obesità sono spesso depresse. Ma chi viene prima? L'uovo o la gallina? I pensieri negativi possono essere la causa o la conseguenza dell'obesità in questi soggetti.
Mangiucchiare in continuazione può essere una risposta in grado di calmare di fronte a situazioni che generano ansia, morale a terra o stress.

A partire dai numerosi dati emersi dallo studio sono state esaminate 1 le relazioni tra sovrappeso, obesità e depressione. Il sovrappeso o l'obesità sono stati valutati in termini di girovita e di Indice di massa corporea (IMC = Peso/Altezza 2 ). 243 uomini e 291 donne di età compresa tra i 30 e i 67 anni hanno risposto a un questionario che permette di assegnare un punteggio alla depressione.
Vera e propria scala del morale a terra 2 , il punteggio può andare da 0 (totale assenza di depressione) a 60 (stato depressivo intenso). In base a questo test, le vittime di una reale depressione diagnosticata da un medico hanno un punteggio maggiore o uguale a 17 per gli uomini e a 23 per le donne.

Risultato: un quarto delle donne in sovrappeso o obese è depresso, contro solo il 14% delle donne normopeso. Peraltro, lo score della depressione aumenta in funzione dell'IMC e del girovita. Al contrario, gli uomini in sovrappeso o obesi non sono più depressi degli altri: il 16% contro il 19%, mentre il girovita è correlato negativamente al punteggio di depressione.

Disparità tra uomini e donne sulla bilancia

Per comprendere meglio questa disparità uomini/donne, i ricercatori hanno studiato altre caratteristiche dei partecipanti, che avevano ottenuto i punteggi di depressione più alti. Si chiariscono, pertanto, alcune ipotesi:

  1. Gli uomini depressi tendono a fumare di più. Oltre alla proprietà anoressizzante, la nicotina aumenta il dispendio energetico di base dell'organismo. Questa cattiva abitudine potrebbe, quindi, spiegare l'aumento minimo di peso, nonostante siano in possesso di un livello di studi meno elevato. Ricordiamo che, in generale, il livello di istruzione sembra importante: le persone che hanno seguito studi di scuola superiore oltre il terzo ciclo (la laurea) hanno tre volte meno il rischio di presentare un'obesità, in confronto a quelle che non hanno conseguito il diploma di stato di livello BEPC
  2. Le donne obese soffrono maggiormente a livello psicologico delle conseguenze legate all'eccesso di peso e per questo hanno più motivi per essere depresse. In generale, sono in possesso di un livello di studi inferiore. I ricercatori precisano inoltre che la depressione si riscontra, in particolare, nelle donne la cui obesità è associata ad altre malattie o che hanno maggiore difficoltà nella vita per il fatto di occupare un livello sociale più debole.

La depressione fa ingrassare le donne

Questi risultati sembrano sostenere l'ipotesi dell'uomo gioviale e con qualche chilo addosso. Dobbiamo, quindi, credere che i chili di troppo rendono gli uomini più ottimisti? Ebbene, questa immagine è stata recentemente minata da uno studio americano: sono stati considerati diversi indicatori della salute mentale (gioia, salute mentale percepita, ecc.) su una popolazione di 1.739 pensionati della contea americana di Alameda.

Risultato: i più grassocci non sono i più ottimisti.

David Bême

Commenta
04/05/2010
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Sai fare la dieta?

Test alimentazione

Sai fare la dieta?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale