Home  
  
  
    L'intolleranza alimentare
Cerca

Stare bene mangiando
Le intolleranze alimentari
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le intolleranze alimentari: cause e rimedi

Circa il 50% degli italiani teme di soffrire di una qualche forma di intolleranza alimentare. I dati ufficiali, quelli raccolti dai centri di allergologia, hanno rilevato una conclamata intolleranza ad alcuni alimenti soltanto nel 10% della popolazione (il 13% nei bambini). Il restante 40% degli adulti convinto di avere una intolleranza alimentare è quindi costituito da mitomani ed ipocondriaci?

L'intolleranza alimentare
© Getty Images

Che cosa sono le intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono reazioni anomale dell'organismo all'ingestione di una certa categoria di alimenti. Simili alle allergie alimentari, le intolleranze hanno però un decorso ed uno sviluppo molto diverso che spesso non consente di diagnosticarle in maniera rapida. Se l'allergia si manifesta appena ingerito un certo alimento, l'intolleranza ha invece tempi più lunghi e spesso viene riconosciuta come tale soltanto dopo diversi anni.

L'organo che più è interessato dalle intolleranze alimentari è l'intestino, la cui difficoltà nel digerire certi alimenti determina poi l'insorgere di problemi e fastidi in tutto l'organismo.

Le principali intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari più diffuse, riconosciute anche a livello medico-scientifico, sono due:

Queste due intolleranze sono le più facili da diagnosticare, in quanto presentano sintomi molto marcati sin dalle prime assunzioni dell'alimento incriminato. Negli ultimi anni però sono stati scoperti numerosi altri cibi a rischio, che possono sviluppare nei soggetti sensibili delle intolleranze alimentari importanti.

In particolare, sono molto frequenti sia nei bambini che negli adulti le seguenti intolleranze:

  • intolleranza al latte vaccino (non necessariamente legata al lattosio)
  • intolleranza ai cibi contenenti istamina (pomodoro, cioccolato etc.)
  • intolleranza ai lieviti (sia di birra che chimici)
  • intolleranza a muffe e funghi
  • intolleranza agli oli vegetali (di semi e di oliva)

Le diverse tipologie di intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari hanno un decorso ed una sintomatologia diversa da persona a persona. In generale possiamo dividere le intolleranze in tre categorie principali:

  • intolleranze alimentari gravi
  • intolleranze alimentari croniche
  • intolleranze alimentati transitorie

Le intolleranze alimentari gravi sono tutte quelle che presentano sintomi molto simili a quelli delle allergie o che comportano un elevato rischio per la salute dell'individuo. La forma più comune e diffusa di intolleranza alimentare grave è la celiachia. Le intolleranze alimentari croniche sono quelle che si protraggono nel tempo, comportando l'insorgere di tutta una serie di piccoli malesseri sempre più importanti.

Le intolleranze alimentari transitorie sono invece limitate ad un certo periodo di tempo e dovute ad una causa ben precisa (forte stress, assunzione di medicinali etc.).

Le cause delle intolleranze alimentari

Ad oggi non siamo in grado di determinare quali possano essere le cause dell'insorgenza di una intolleranza alimentare. Sicuramente esiste una ipersensibilità intestinale di base, che comporta una digestione ed una assimilazione più lenta e difficile dei cibi. Un altro fattore di rischio sono l'utilizzo, nella preparazione dei cibi confezionati e nell'agricoltura, di agenti chimici mal tollerati dal nostro organismo (pesticidi, conservanti, coloranti etc.).

Anche lo stress è un elemento determinante nelle intolleranze alimentari: in un periodo particolarmente difficile della vita è possibile infatti sviluppare una intolleranza alimentare transitoria, che passerà dal tutto una volta eliminata la fonte dello stress. Allo stesso modo anche l'assunzione di certe categorie di farmaci come antibiotici ed antidolorifici può modificare la flora intestinale e provocare una intolleranza temporanea ad alcuni cibi. Diversi studi hanno cercato di capire se potesse esistere un carattere ereditario nelle intolleranze alimentari. Pur non essendoci ancora dati certi, sembrerebbe che esista una certa correlazione tra l'alimentazione della donna in gravidanza e lo sviluppo nel bambino di intolleranze ed allergie alimentari.

Come si curano le intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono difficili da diagnosticare ma relativamente semplici da curare. A seconda della tipologia di intolleranza occorre intervenire in maniera diversa. Innanzi tutto è necessario rivolgersi ad un medico per avere una diagnosi certa dell'intolleranza e per capire quali siano gli alimenti che la causano. In linea generale, per tutte le forme di intolleranza, l'unica cura possibile è sospendere del tutto l'assunzione dell'alimento o degli alimenti incriminati. Smettere di mangiare il cibo che provoca l'intolleranza permette all'organismo di iniziare a disintossicarsi ed eliminare ogni traccia dell'alimento.

A volte sono sufficienti dai tre ai sei mesi di dieta specifica per eliminare completamente i sintomi dell'intolleranza. Le intolleranze alimentari esistono e sono curabili. Colpiscono in maniera maggiore i bambini ma possono essere riscontrate anche negli anziani e persino negli animali domestici. Non è sempre semplice riuscire a diagnosticare una intolleranza alimentare ma, una volta individuata la fonte dal problema, una dieta corretta può risolvere per sempre il problema.

Fonti:

SSNV – Società scientifica di nutrizione vegetariana

http://www.scienzavegetariana.it/

Allergie ed intolleranze alimentari. Chiariamoci le idee

Di Bollo Patrizia, Carrozzo Romeo

Editore Ponte alle Grazie

Gravidanza ed alimentazione, nutrire anima e corpo con cibo di qualità

Di Matteo Giannattasio

Collana “I quaderni del valore alimentare”

Commenta
02/06/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Sai fare la dieta?

Test alimentazione

Sai fare la dieta?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale