Home  
  
  
    I benefici del farro
Cerca

Pasti equilibrati
Cereali e derivati
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il farro: benefici e controindicazioni

Utilizzato in molte cucine mediterranee, il farro rappresenta uno dei cerali più ricchi di particolari proprietà nutrizionali. Appartenente alla famiglia delle graminacee, la sua coltivazione risale ai tempi del Neolitico. Scoprine benefici e controindicazioni.

I benefici del farro
© Getty Images

Tra i cereali più nutrienti, è quello che si presta più facilmente a scatenare la fantasia nelle cucine di tutto il mondo, in particolare in quelle mediterranee. Il farro è considerato la più antica tipologia di frumento coltivato. Già nel Neolitico, secondo quanto riportato da alcuni taccuini storici, costituiva uno degli alimenti principali nell’alimentazione dell’uomo. Negli ultimi decenni la sua coltivazione è scarseggiata a causa della sua bassa resa e del forte dispendio economico di cui necessita la sua lavorazione. Eppure il farro è dotato di numerose virtù nutrizionali, grandi alleate della nostra salute. Ecco tutte le proprietà benefiche e le varietà più importanti del cereale.

Varietà di farro

Esistono tre tipologie di farro:

  • Farro piccolo o monococco: è la varietà più antica ma anche quella meno coltivata in quanto ha bisogno di un clima molto mite con frequenti pioggie. Questa tipologia contiene un elevato tasso proteico.
  • Farro medio o dicocco: è il più coltivato in Italia, soprattutto in Toscana dove viene utilizzato come ingrediente principale di numerose zuppe, torte e minestre. Cresce molto bene a temperature medio-basse. Particolarmente ricco di vitamine del gruppo B e di magnesio.
  • Farro grande o spelta: la sua domesticazione trova luogo nelle zone vicino il Mar Caspio. In Italia è difficile da coltivare in quanto necessita di un clima molto rigido. È ricco di fibre

Le virtù nutrizionali del farro

Le sue proprietà nutrizionali sono innumerevoli e consigliate specialmente per chi soffre di diabete o stitichezza. Il farro contiene, infatti, un’elevata quantità di sali minerali e vitamine. In particolar modo:

  • Potassio: sostanza fondamentale per il corretto svolgimento dei processi osmotici delle cellule. Gioca un ruolo importante nel bilancio idrico e nella regolazione della pressione sanguigna, oltre che favorire il sistema muscolare
  • Fosforo e magnesio: elementi importanti per la salute di cervello, ossa e denti
  • Vitamina A e B: sostanze riconosciute benefiche per la nostra salute. In particolar modo per la pelle e per il corretto funzionamento della vista
  • Fibre: il farro è ricco di queste sostanze che favoriscono il transito intestinale
  • Proteine vegetali: valida alternative a quelle animali

Altre proprietà

Oltre alla virtù nutrizionali sopra elencate il farro possiede tanti altri benefici. È facilmente digeribile rispetto al grano duro e a quello tenero. Inoltre i suoi effetti lassativi danno una grande mano a chi soffre di stitichezza. La sua assunzione viene consigliata in un regime di dieta ipocalorica. La presenza di niacina aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo, diminuendo i rischi di malattie cardiovascolari. Infine riduce i rischi di diabete di tipo 2, grazie al suo indice glicemico inferiore a molti altri alimenti, è particolarmente consigliato a chi deve tenere sotto controllo la glicemia.

Il farro fa molto bene alle donne in gravidanza perchè oltre a ridurre il rischio di diabete gestazionale, previene l’ipertensione gravidica grazie al suo bassissimo contenuto di sodio. Inoltre il suo ridotto apporto calorico aiuta le future mamme a non aumentare eccessivamente di peso. 

Controindicazioni

Nonostante tutte le sue importantissime virtù, esiste un leggero rovescio della medaglia. Infatti il farro è altamente sconsigliato a chi soffre di celiachia, dato che questo cereale contiene un’alta quantità di glutine. E a coloro che hanno problemi di colite: le fibre contenute nel farro possono causare meteorismo, diarrea e una forte infiammazione intestinale. 

Il farro in cucina

La sua duttilità in cucina permette a chiunque lo voglia di dare libero sfogo alla propria fantasia. Col farro è possibile realizzare delle ottime zuppe calde e minestre accompagnate da legumi. Inoltre, con la farina di farro vengono fabbricati molti tipi di pane, focacce, crepes e svariati dolci. Freddo, si può gustare accompagnato da una gustosa insalata.

Commenta
15/09/2014
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Sai fare la dieta?

Test alimentazione

Sai fare la dieta?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale