Home  
  
  
    I tipi di latte e le loro proprietà
Cerca

Pasti equilibrati
Digestione e probiotici
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le proprietà dei diversi tipi di latte

Il latte è la prima fonte di nutrimento di tutti i mammiferi, uomo compreso. E' infatti il primo cibo che ogni neonato consuma ed è fonte di nutrimenti anche per gli adulti. Negli ultimi anni sono entrate in commercio diverse tipologie di latte, sia a base animale che vegetale. Questa diversificazione è dovuta in primo luogo all'aumento dei casi di allergie ed intolleranze al latte classico ed alla diffusione sempre più crescente dei regimi alimentari vegani e vegetariani. Cerchiamo di fare chiarezza e capire le caratteristiche e le funzioni dei diversi tipi di latte, in modo tale da poter compiere una scelta alimentare consapevole.

I tipi di latte e le loro proprietà
© Getty Images

Il latte di origine animale

Il latte vaccino

Il latte vaccino, quello prodotto dalle mucche, è senza dubbio il più diffuso ed il più comune tra i consumi. Il latte vaccino naturale è composto al 75% da acqua, all'interno della quale sono contenuti grassi, proteine e zuccheri. Si divide in quattro tipologie principali: latte fresco, latte intero a lunga conservazione, latte parzialmente scremato a lunga conservazione e latte scremato a lunga conservazione.

Il latte vaccino fresco

Il latte fresco è quello che si trova solitamente nel banco frigo. E' il latte più nutriente, consigliato sopratutto per l'alimentazione dei bambini, ricco di proteine e di vitamine. Non deve essere confuso con il latte crudo (quello non pastorizzato), che viene utilizzato solitamente per la produzione dei formaggi e può essere acquistato soltanto presso i caseifici.

Il latte vaccino a lunga conservazione

Il latte a lunga conservazione si differenzia da quello fresco per il metodo utilizzato per la pastorizzazione. Questo latte viene riscaldato a temperature molto più elevate rispetto a quello fresco, per ottenere un prodotto microbiologicamente puro (senza alcun batterio residuo al suo interno).

La lavorazione più invasiva permette di conservare il prodotto più a lungo ma ne altera notevolmente le caratteristiche nutrizionali. Il latte a lunga conservazione può essere di tre tipi, a seconda della quantità di grassi che esso contiene:

  • Il latte intero è quello con la percentuale di grassi più elevata (non inferiore al 3,5%) ed è per questo più pesante da digerire.
  • Il latte parzialmente scremato contiene circa un 1,5% di grassi, in quanto viene eliminata in parte la panna in esso contenuta.
  • Il latte scremato viene prodotto eliminando del tutto la panna dal suo interno, portando il livello dei grassi contenuti ad un livello inferiore al 0,5%. Insieme ai grassi si perdono però anche molte vitamine, rendendo il latte meno nutriente ma più digeribile.

Il latte di capra

Un'alternativa al latte di mucca, senza dover passare ai prodotti di origine vegetale, può essere il latte di capra. Il latte di capra presenta caratteristiche chimiche molto simili al latte materno umano e viene per questo consigliato per l'alimentazione dei bambini. Rispetto al latte vaccino, il latte di capra è altamente digeribile e ricco di sostanze nutritive, con un contenuto di grassi e di colesterolo più basso. Fornisce inoltre un apporto calorico maggiore ed è ricco di taurina, una proteina contenuta in grande quantità nel latte materno. Anche il latte di capra contiene lattosio e non può quindi essere consumato dalle persone intolleranti a questa proteina.

Il latte d'asina

Il latte di asina è indicato come migliore sostituto del latte materno nell'alimentazione dei neonati. È ricco di sostanze nutritive e povero di grassi ma ha un maggiore contenuto di lattosio che lo rende poco digeribile ed inadatto ai soggetti sensibili ed intolleranti.

Il latte di origine vegetale

Il latte di origine vegetale, come qualsiasi alimento, ha le sue virtù ma anche i suoi limiti. Doctissimo ti propone una panoramica di tutte le tipologie di latte alternativo al latte di origine animale. Scegli quella più adatta a te!

Il latte di soia

In termini nutritivi, il latte di soia è quello che più si avvicina alla composizione del latte vaccino. Ha infatti un elevato contenuto di proteine, ferro e vitamina B1. A differenza del latte vaccino ha però un apporto di grassi molto limitato ed è estremamente digeribile. La soia ha un potere naturale anti-colesterolo ed è consigliata come alternativa alle proteine animali. Il latte di soia può essere consumato dai soggetti intolleranti al lattosio o ad altre proteine del latte vaccino ma non è adatto ai celiaci. Scopri con Doctissimo i pro e i contro del latte vegetale

Il latte di riso

Il latte di riso ha il minor contenuto di grassi di tutte le tipologie di latte in commercio. Rispetto al latte di soia ha un più basso livello di proteine ma un gusto naturalmente più dolce, dovuto alla presenza di una grande quantità di zuccheri naturali al suo interno. E' particolarmente adatto all'alimentazione dei celiaci in quanto non contiene alcuna traccia di glutine.

Il latte d'avena

Poco conosciuto rispetto ad altri tipi di latte vegetale, il latte d'avena è totalmente privo di colesterolo e molto ricco di acido folico. E' quindi molto utile per le donne in gravidanza. Il latte di avena è particolarmente indicato anche per gli sportivi in quanto fornisce un elevato apporto energetico di veloce assimilazione. Non è adatto ad una alimentazione priva di glutine.

Il latte di cocco

Il latte di cocco viene ottenuto dalla spremitura della polpa del frutto, unita al latte contenuto nella noce ed all'acqua. Particolarmente dolce e dissetante, ha però un elevato contenuto di grassi saturi e deve quindi essere consumato con molta attenzione.

Il latte di mandorle

Tra tutti i latti di origine vegetale, il latte di mandorla è senza dubbio quello più gradevole al gusto. E' ricco di sostanze nutritive e grassi vegetali, utili per l'alimentazione degli sportivi. Attenzione però alle calorie, il latte di mandorla deve essere consumato con moderazione perché ricco di zuccheri naturali. Per fare un confronto con il latte vaccino, quello di mandorla ha un apporto calorico simile al latte intero ma, a differenza di quest'ultimo, non contiene grassi saturi e colesterolo.

Le proprietà dei diversi tipi di latte in commercio sono molto diverse tra loro. Per individuare il latte più adatto alle proprie esigenze è consigliabile provarli tutti, per valutarne sia i benefici che il gusto. E' opportuno sottolineare che lo stato ha imposto una maggiore tassazione su tutti i prodotti a base di latte vegetale, rendendoli inaccessibili ad una grande parte di pubblico. Grazie alle numerose proteste, portate avanti in questi mesi dai consumatori, il governo ha deciso di prendere in considerazione un possibile adeguamento dei prezzi, che speriamo possa essere effettuato quanto prima.

Fonti:

Istruzione agraria online

http://www.agraria.org/

Assolatte – Associazione italiana lattiero casearia

http://www.assolatte.it/

Società scientifica di nutrizione vegetariana

www.scienzavegetariana.it

Commenta
03/03/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Alimentazione

Test consigliato

Sai fare la dieta?

Test alimentazione

Sai fare la dieta?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale